Come riconoscere chi fuma canne

Come riconoscere chi fuma canne

Indice del contenuto

Come riconoscere chi fuma canne? E quale metodo posso utilizzare per comprendere se mio figlio le consuma? Queste sono domande comuni tra i genitori di ragazzi in età adolescenziale.

La maggior parte dei giovani usa comunemente “canne” o “spinelli”, combinazioni di tabacco e marijuana. Lo fanno occasionalmente o regolarmente.

Forse i vostri figli hanno cominciato perché i loro coetanei già lo praticano. Oppure hanno preso insieme la decisione di provare gli effetti degli spinelli. Trasformandolo gradualmente in un’abitudine quotidiana.

Piuttosto che arrabbiarvi, è importante capire il significato dell’uso di sostanze stupefacenti oggi. Il consumo di queste droghe indica la sofferenza dei giovani. Questo disagio ha radici sia nell’ambiente domestico che nell’evoluzione della società.

Perché la marijuana?

Perché il vostro figlio ha deciso di sperimentare con lo spinello? Forse era influenzato dai suoi amici e desiderava sentirsi integrato nel gruppo? Oppure, potrebbe essere un modo per sfuggire a situazioni difficili o per gestire i sintomi di ansia. In quest’ultimo caso, potrebbe essere utile considerare l’opzione di chiedere aiuto a un professionista della salute mentale.

Potrebbe anche risultare informativo scoprire con quale frequenza vostro figlio fa uso di cannabis. 

Le ragioni più comuni possono essere suddivise in:

Per provare piacere

I giovani potrebbero utilizzare la cannabis per sentirsi più socievoli, celebrare o semplicemente rilassarsi. L’uso della cannabis a fini ricreativi è generalmente associato a un consumo moderato. Tuttavia, comporta comunque alcuni rischi, come qualsiasi aspetto della vita.

Per affrontare le difficoltà

La cannabis potrebbe essere utilizzata per affrontare l’ansia in situazioni sociali o per gestire sintomi di ansia cronica o depressione. Se i giovani ricorrono regolarmente alla cannabis per affrontare emozioni difficili che non riescono ad affrontare da soli, questo utilizzo potrebbe diventare problematico.

Per sperimentare nuove sensazioni

Specialmente tra i giovani, l’uso della cannabis potrebbe derivare dalla curiosità o dall’adozione di un atteggiamento di sfida nei confronti dei genitori o della scuola.

La marijuana è uguale alla cannabis?

La cannabis e la marijuana sono spesso utilizzate in modo intercambiabile, ma non rappresentano esattamente la stessa cosa.

Il termine “cannabis” si riferisce a vari preparati psicoattivi derivati dalla stessa pianta, inclusi l’hashish e l’olio di cannabis. La cannabis è stata utilizzata come droga ricreativa per secoli ed è la sostanza più comunemente consumata globalmente.

D’altra parte, la parola “marijuana” si riferisce specificamente a parti o prodotti della pianta di Cannabis sativa che contengono quantità significative di THC. Questa sostanza psicoattiva è ottenuta dai fiori secchi, dalle foglie selvatiche e dagli steli della pianta femminile di cannabis, spesso consumata attraverso il fumo.

Come riconoscere chi fuma canne

Osservare attentamente i propri figli: Come riconoscere chi fuma canne nell'immediato

Chi inizia a utilizzare la marijuana inizialmente mostra un comportamento discreto e svolge adeguatamente i propri compiti familiari e scolastici. Successivamente, si nota una tendenza all’isolamento, alla meditazione prolungata e all’ascolto della musica per molte ore, con un aumento del tempo libero.

Dopo due o tre mesi, la persona comincia ad evitare la sua precedente cerchia sociale e le attività abituali. Invece, preferisce “nuovi amici” con i quali consumare marijuana.  Questo segna l’ingresso nella fase di tossicodipendenza, caratterizzata dall’uso continuo della droga, almeno tre o quattro volte senza interruzioni.

Tra i tossicodipendenti, soprattutto tra i giovani, c’è la convinzione errata che la marijuana “stimoli la consapevolezza di sé”, “migliori la prospettiva”, “liberi dalla paura” e “aumenti la soddisfazione sessuale”.

Gli effetti dell’abuso di droghe, siano esse sintetiche o meno, possono essere chiaramente riconoscibili nell’immediato. Un suggerimento iniziale per i genitori è di osservare attentamente i propri figli al ritorno da momenti trascorsi con gli amici.

La risposta alla domanda dei genitori su come riconoscere chi fuma canne è prestare attenzione ad alcuni segni che includono:

La marijuana come introduzione alla tossicodipendenza

Contrariamente alla credenza diffusa, la marijuana non migliora l’umore. Essa stimola semplicemente l’umore già presente.

Gli effetti della marijuana non dipendono solo dalle circostanze esterne. In modo significativo dipendono dalle condizioni della persona che ne fa uso, nonché dalle sue precedenti esperienze.

Dopo molti anni di uso di marijuana si sviluppa una tipica sindrome amotivazionale. Una persona del genere perde interesse nelle sue attività precedenti, diventa svogliata, manca di iniziativa, evita gli obblighi, passa gran parte della giornata a sognare ad occhi aperti, ed è emotivamente ottusa.

Con il passare del tempo, la marijuana compromette tutte le capacità mentali di una persona, riducendola al livello della vegetazione. Il vero pericolo della marijuana risiede nel completo collasso dell’essere interiore.

La marijuana spesso funge da trampolino di lancio per l’uso di altre droghe. È facile passare all’eroina, all’LSD, alla mescalina, eccetera.

Secondo la relazione europea sulla droga, il consumo di canabis tra i giovani da 15 a 24 anni è più elevata. Tra i 24 Stati membri dell’UE che hanno partecipato alle indagini ESPAD del 2019 su studenti di età 15-16 anni, la percentuale media del consumo di cannabis nell’ultimo anno è stata del 17,3%, con variazioni tra il 7% e il 23%. Questa percentuale è in calo rispetto al picco del 20,4% registrato nel 2011.

Tuttavia, uno su cinque consumatori di marijuana successivamente si rivolge a una droga considerata “più pesante”.

Ecco alcuni segni su come riconoscere chi fuma canne:

Come riconoscere chi fuma canne e marijuna e quali sono gli effetti sul corpo?

Quando si fuma marijuana, il THC si sposta rapidamente dai polmoni al flusso sanguigno, il quale trasporta la sostanza al cervello e ad altri organi del corpo. Se ingerito con cibi o bevande, il THC nel sangue viene assorbito più lentamente. È importante riconoscere i sintomi del consumo di marijuana, poiché il THC nel corpo può portare allo sviluppo della dipendenza.

Indipendentemente dal modo in cui viene assunto il THC, la sostanza agisce in modo specifico sui recettori dei cannabinoidi delle cellule cerebrali. Questi recettori fanno parte di una rete di comunicazione neurale chiamata sistema endocannabinoide. Questo sistema svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo e nel funzionamento normale del cervello.

Il maggior numero di recettori dei cannabinoidi si trova nelle parti del cervello che influenzano:

La marijuana influisce sul corpo attivando il sistema endocannabinoide e provoca vari effetti, come:

Come riconoscere chi fuma canne: sintomi dell'uso di marijuana?

Oltre alle inclinazioni personali, l’uso continuato di marijuana può generare problemi nella concentrazione, attenzione e memoria, portando a un declino delle prestazioni scolastiche.

Si manifesta anche ciò che viene chiamato una ‘sindrome di mancanza di motivazione’, caratterizzata da perdita di interessi e limitata pianificazione. Questa condizione può portare a una tendenza all’isolamento, spesso giustificata come una scelta filosofica o esistenziale.

I sintomi dell’uso di marijuana sono anche associati a una serie di problemi di salute. In particolare, si riferiscono a disturbi cardiaci, polmonari e mentali.

I problemi più comuni causati dalla marijuana includono:

I sintomi dell’uso di marijuana sono anche associati ad altri problemi di salute mentale, come:

Numerosi studi collegano l’uso cronico di marijuana alle malattie mentali.

Gli effetti della marijuana possono anche peggiorare il decorso della malattia nei pazienti affetti da schizofrenia. Esiste anche una connessione tra la marijuana e lo sviluppo della psicosi.

Come riconoscere chi fuma canne

Come convincere un figlio a non farsi le canne?

Molti genitori si chiedono come convincere un figlio a non farsi le canne. Spesso faticano a far capire che assumere certe sostanze non è diverso dall’usare qualsiasi altra droga.

Se sospettate che vostro figlio fumi cannabis, tenete presente che affrontare i sospetti potrebbe portare alla negazione. Prima di affrontare la questione direttamente, cercate di scoprire dove esce l’adolescente, chi incontra e cosa realmente accade in quei luoghi. Senza che lui se ne accorga, perquisite con attenzione la sua stanza e lo zaino.

Se ritenete che sia sotto l’effetto di marijuana, potete testarlo con un test antidroga acquistabile in farmacia. Questo test rileva la presenza di THC nelle urine.

Se i vostri sospetti si rivelano veri e il test mostra la presenza di THC nelle urine, cercate di non lasciarvi prendere dal panico. Parlate con calma, ma aspettate che gli effetti della sostanza siano passati.

Interessatevi a ciò che sta accadendo nella vita dell’adolescente, chiedete se ha problemi e di che tipo, e indagate sui suoi sentimenti e sugli eventi a scuola. Evitate di incolpare vostro figlio. Provate a capire perché sta usando la marijuana.

Assicurategli che lo amate, nonostante non approviate le sue azioni. Mostrate la vostra determinazione nel superare questo problema insieme. La soluzione più efficace per affrontare un problema simile è cercare l’assistenza di professionisti.

Presso la clinica MedTim, avrete a disposizione il supporto continuo di uno staff medico altamente qualificato. Questi professionisti vantano ampia esperienza nel trattamento di pazienti affetti da dipendenza.

Come comportarsi con chi fuma spinelli?

Quando i genitori scoprono che il figlio si fa le canne, si chiedono: ‘Come comportarsi con chi fuma spinelli?’

È cruciale comprendere la frequenza e la modalità del suo consumo. Si tratta di un utilizzo occasionale, limitato a rari episodi con amici, o è una pratica regolare e continua?

Per distinguere tra un uso occasionale e un problema più profondo, l’osservazione del comportamento risulta fondamentale.

Notate cambiamenti nello stile di vita del vostro adolescente, come alterazioni nel rendimento scolastico, nei rapporti familiari, nelle relazioni sociali o nell’attività sportiva?

Se notate un chiaro e progressivo cambiamento nei comportamenti, è probabile che ci sia un problema sottostante indicato dall’uso della sostanza. Questo richiede l’intervento di uno specialista, come uno psicologo o uno psichiatra.

Per agevolare l’accettazione dell’assistenza da parte dell’adolescente, evitate di concentrarvi sulla nocività del ‘farsi le canne’. Questo approccio potrebbe causare incomprensione e chiusura. Invece, concentratevi sul malessere evidente, come tristezza, rabbia, chiusura sociale o senso di inadeguatezza.

Se l’osservazione non rivelasse cambiamenti significativi, potrebbe trattarsi di un uso occasionale. In tal caso, una informazione mirata può responsabilizzare il ragazzo e incoraggiarlo a fare scelte autonome rispetto al gruppo.

Come avviene il trattamento per la dipendenza dalla marijuana presso MedTim?

Dato che la cannabis può indurre sensazioni momentaneamente ‘piacevoli’, spesso chi ne fa uso reagirà alle proposte di distacco per intraprendere un programma di recupero.

Queste reazioni includono affermazioni del tipo: ‘Non ho alcun problema!’, ‘Posso smettere quando voglio!’, o ‘Le canne le fumano tutti!’ e simili.

In una circostanza simile, come potete sostenere un figlio che fuma spinelli? Quali sono le azioni necessarie per persuaderlo a partecipare a un programma di recupero e preservare la sua vita?

Per affrontare la negazione del problema, la soluzione migliore è contattare MedTim.

Non è consigliabile affrontare da soli l’astinenza dalla marijuana, poiché gli effetti possono essere gravi. Questo richiede l’aiuto di un medico. Inoltre, c’è un alto rischio di ricaduta, ovvero il ritorno alle vecchie abitudini.

La maggior parte dei sintomi di astinenza da marijuana si manifesta nelle prime 24-72 ore dopo l’ultimo utilizzo. Raggiunge il picco nella prima settimana e dura circa 1-2 settimane.

Quando il corpo sviluppa dipendenza dalla marijuana, la sospensione improvvisa può causare diversi spiacevoli sintomi di astinenza, tra cui:

Non è necessario affrontare tutto ciò da soli.
Come riconoscere chi fuma canne

Disintossicazione efficace dalla marijuana con MedTim

I professionisti medici della clinica MedTim possono assistervi nel dialogo con vostro figlio e persuaderlo a intraprendere immediatamente un percorso di recupero dalla dipendenza.

Grazie alla vasta esperienza e al successo nel risolvere centinaia di casi, MedTim si posiziona come la soluzione più efficace per aiutare un figlio a smettere di utilizzare marijuana. La clinica diventa un punto di riferimento nel settore del recupero dalle tossicodipendenze.

I nostri medici riconosciuti e il resto del personale medico conducono la disintossicazione dalla marijuana in modo completamente indolore e sicuro. Durante il processo di trattamento presso la nostra clinica, il paziente non avvertirà alcun sintomo spiacevole di astinenza.

Al termine della disintossicazione, tutti i sintomi scompaiono e il corpo del paziente viene completamente ripulito da ogni traccia di marijuana.

I nostri esperti, tra cui psicologi, psichiatri e psicoterapeuti, affrontano la dipendenza fisica e la disintossicazione.

Inoltre, forniscono sostegno al paziente nel superare la dipendenza psicologica dalla marijuana. Identificano le ragioni dell’uso e risolvono le radici del problema. Il nostro obiettivo è trattare la causa sottostante della dipendenza, non solo le sue conseguenze.

Le terapie mirano a modificare opinioni e atteggiamenti legati alla dipendenza. Attraverso questo processo, si determinano cambiamenti nel comportamento. Questo è di fondamentale importanza nel periodo riabilitativo per mantenere uno stato psicologico stabile.

Il nostro sostegno si estende non solo al paziente, ma anche ai suoi familiari e amici, che saranno al suo fianco durante l’intero processo.

Ricordate sempre che non siete soli. MedTim è qui per voi ed è pronto ad aiutarvi.

Daniele

Daniele

Traduttore in lingua italiana

Siamo a vostra disposizione in qualsiasi momento

Conosci tutto su dipendenze e altri problemi psichici

La tua Privacy è importante

Utilizziamo cookie tecnici, analitici e di marketing per aiutarti con operazioni come l'accesso e il recupero di ricerche effettuate in precedenza.